GRETSCH 6119 CHET ATKINS TENNESSEAN, 1967

Una delle ultime Tennessean realizzata nell'epoca pre-Baldwin della Gretsch. E' infatti del maggio 1967 ed ha ancora tutte le caratteristiche della chitarra usata da George Harrison nei Beatles: corpo vuoto a cassa sottile, o se preferite thinline hollowbody, finte buche ad F dipinte sulla cassa, zero-fret, tastiera "neo-classic" in palissandro con intarsi stile thumbprint, circuito con selettore pickup, selettore toni, stand-by-switch, due volumi pi un volume master, meccaniche Grover Sta-Tites con bottone ovale (le Van Ghent vennero usate dalla seconda met del '67), manopole G-Arrow (e non il modello con le zigrinature verticali adottato qualche mese pi tardi), ecc. ecc. In sostanza, l'unica differenza dalla chitarra di Harrison costituita dalla placca metallica sulla paletta col nome del modello. I pickup sono i single-coil Hi-Lo Trons, il ponte lo straight bar con barra piccola (quello con barra grande era montato sulle 6120 e le 6122), il Bigsby il classico V-Cutout "Gretsch by Bigsby", ed presente il tipico "neck dovel", lo spinotto in legno inserito alla base del manico secondo la consueta procedura della Gretsch. Lo strumento in condizioni ottime, suona benissimo e si presenta molto bene esteticamente (guardate i legni figurati), con qualche traccia di usura da cintura sul fondo, qualche punto in cui il binding deteriorato (nulla di grave, comunque), una lesione sul battipenna accanto alla vite e qualche spaccatura superficiale sul rivestimento del fronte della paletta. I tasti, compreso lo zero-fret, sono quelli originali con un bel po' di usura ma sono ancora suonabilissimi, e tutto sulla chitarra originale al 100%, fino ai bottoni per la tracolla. Anche la custodia quella originale Gretsch, sottile e perfettamente calzante sullo strumento. 


6119a - 6119b - body1 - body2 - body3 - back - body back - headstock - in case - bigsby - pickguard - pickup & bridge - switch - knobs - tuner - case